wildthink.net > foto > club legalizzala > cena legalizzala 3 > sommario
 Raccolta : cena legalizzala 3
 Luogo : Pollenzo - La Soffitta
 Data : 20/05/2005

Smentendosi come solo Moggi, Giuda e Gingion messi insieme potrebbero fare, arriva la terza cena, con enorme preoccupazione e soddisfazione del club Legalizzala. Il pretesto si chiama Macondo, che per conoscere un po′ di chatters decide di venire nella desolata provincia di Cuneo, partendo da Milano. Il club vuole rendersi utile e, sfruttando l′immagine del buon Macondo quale mezzo pubblicitario, organizza una cena che sembra un pranzo di nozze, peccato che invece si tratti di una cena del Club Legalizzala. In questa cena Buru vorrebbe sposarsi tutti i circa 40 partecipanti, non trovando volontari per questo suo sogno, spera di poter scambiare tenere effusioni con alcuni di loro, anche in questo caso, senza alcun tipo di successo.
Questa cena Ŕ stata la Cena, quella che ha reso il club Legalizzala l′istituzione leale e affidabile alla quale fare riferimento, un punto di ritrovo, un argomento di conversazione, un aiuto verso i bisognosi di affetto, sempre presente, sempre al servizio dell′uTONTO medio.
Il destino, la fatalitÓ, la fortuna ed una macchia di sugo sulla maglietta hanno fatto in modo che le cene del Club Legalizzala tornassero in auge, prendessero coraggio e soprattutto avessero sempre un buon numero di partecipanti, utili a non mandare in depressione il sensibile presidente.
Forse si Ŕ rivelato utile trasferire le cene in pizzeria. Forse hanno portato fortuna wilkins, ziofester e tafazzi, forse le cene dispari vanno meglio delle cene pari.

Momenti da Ricordare :

- L′immagine di tutti e 40 al momento del ritrovo. Davvero un tanti. E belli.
- Wilkins, Panato ed Estathe, non previsti che regalano brividi sulla schiena per la sorpresa
- Macondo, su tutto. Un inchino ed un bacio. Per l′impegno, la voglia e la simpatia
- Goldrake che paga due quote in pi¨ in pizzeria. Goldrake che si fabbrica un coktail esplosivo al Foresto, che finirÓ per lasciare tracce inequivocabili sul suo volto.
- Gli assenti che hanno sempre torto. Ed in questo caso erano in molti ad avere ragione.
- Isidoro, la chitarra. (Nel senso che Isidoro Ŕ una chitarra)
- I Tentativi di approccio ed individui che sono dei veri VIP per una cena del club.
- Il luogo della cena, il migliore in assoluto tra tutte le cene. Grazie al consiglio del buongustaio Shinji.

Buru


lascia un commento qua sopra
come ti chiami?
cosa vorresti dire?